[VIDEO]. Si accende uno spinello durante il processo per possesso di droga e finisce subito in cella

Era finito a processo per possesso di marijuana, ma ha rivendicato le proprie istanze in favore della legalizzazione accendendosi uno spinello nell’aula in cui era stato chiamato a comparire davanti ai giudici. Per questo motivo, un ragazzo di 20 anni è stato immediatamente portato in carcere per una decina di giorni, in attesa di una nuova sentenza.

L’incredibile episodio è avvenuto in un tribunale della contea di Wilson, nel Tennessee. Il giovane imputato, Spencer Boston, doveva affrontare un processo per possesso di marijuana, un reato minore dal momento che non era accusato di spaccio ma solo di uso personale. Davanti al giudice Haywood Barry, però, il ragazzo ha spiegato: «Un processo del genere non dovrebbe neanche esistere, questo stato, come tanti altri hanno già fatto, dovrebbe semplicemente legalizzare le droghe leggere». Lo riporta la CNN.

Per rivendicare il proprio messaggio, il ventenne ha anche pensato bene di estrarre da una tasca uno spinello, accendendolo con un fiammifero e fumandolo davanti a tutti i presenti, sbigottiti. Alla fine, però, alcuni agenti di sicurezza lo hanno raggiunto e portato via. «La gente merita di più!», ha urlato il giovane, tra l’ilarità generale dei presenti. L’episodio, però, ha solo finito per peggiorare la posizione del ventenne: oltre al possesso di marijuana, infatti, ora gli viene imputato anche l’oltraggio alla corte, per cui passerà dieci giorni in carcere e dovrà pagare una multa che può arrivare fino a tremila dollari (circa 2700 euro). La prossima udienza è stata fissata per il 14 aprile.