Sant’Antimo, l’attacco del centrodestra: “Consulenze e sprechi del sindaco Russo anche sul centro sportivo”

“Il sindaco di Sant’Antimo firma l’ennesimo incarico, questa volta da ben quarantamila euro per uno studio di fattibilità sull’affidamento del Centro Sportivo chiuso oramai da un anno. Quarantamila euro per farsi dire, familisticamente da qualcuno, come e magari a chi affidare una struttura per la quale paghiamo già 10 mila euro al mese di vigilanza e che ci è costata altri 30 mila euro di spese di manutenzione straordinaria dovuta all’incuria e all’abbandono dei luoghi. Vergognoso!”. Lo affermano i consiglieri di opposizione di centrodestra del Comune di Sant’Antimo (Na) Annarita BorzacchielloVito CesaroCorrado Chiariello e Innocenzo Treviglio.

“Siamo di fronte all’ennesimo scandalo, all’ennesima fallimentare incompiuta del sindaco Russo che, dopo avviato l’assalto al Centro Sportivo per un debito di 80 mila euro, un giudizio promosso dalla vecchia amministrazione ed ancora pendente presso il tribunale, non si è mai preoccupato di garantirne una prospettiva, a dispetto di altri sindaci che, per altri centri sportivi in analoga situazione, hanno garantito la prosecuzione del servizio grazie alla nomina di un commissario prefettizio – sottolineano gli esponenti di opposizione –, infischiandosene di chi dovrà accollarsi le rate del mutuo e, pertanto, dell’eventualità di nuovi e consistenti debiti fuori bilancio”.

“Come se non bastasse, al grave danno va ad aggiungersi anche la beffa: oltre ai 200 mila euro già spesi, nella manovra finanziaria bocciata dai Revisori, questo sindaco ha stanziato addirittura altri 560 mila euro per presunte manutenzioni. Un discorso, anche questo, che conferma come Russo era, è e resta il sindaco degli sprechi”, concludono.