Sant’Antimo. Bloccati 2 milioni di euro, il Centrodestra attacca l’amministrazione Russo

Congelato il fondo di solidarietà a Sant’Antimo. Un episodio allarmante per il Comune sanzionato dal Viminale a causa della mancata compilazione del registro elettronico che avrebbe dovuto essere consegnato al ministero entro lo scorso 25 gennaio.

Il mancato trasferimento dei circa 2 milioni di euro destinati a supportare le attività salienti ha suscitato l’ira dei consiglieri comunali che hanno duramente commentato la vicenda.

Siamo seriamente preoccupati, la città di Sant’Antimo sprofonda nel baratro. “Questa sciatteria amministrativa avrà effetti devastanti, con ulteriori spese per gli interessi moratori, sui tempi di pagamento ai fornitori dei servizi, aziende e professionisti, e pertanto sui servizi stessi.Abbiamo assistito all’ennesimo episodio di malamministrazione firmata Russo ”– ha dichiarato il capogruppo regionale campano di Forza Italia, Armando Cesaro.

Anche  Corrado Chiariello, coordinatore dei consiglieri di opposizione di centrodestra, ha tuonato contro l’amministrazione Russo: “ Questo stop ai trasferimenti è un fatto gravissimo. Con questo sindaco alla testa Sant’Antimo sta sprofondando sempre di più nel degrado e nel ridicolo”.

‘Questo sindaco riduce le entrate. C’è da vergognarsi’- spiega Treviglio. “Purtroppo ci è capitato un sindaco che si fa congelare il Fondo di Solidarietà, che non si preoccupa di partecipare ai bandi per i finanziamenti regionali, a partire da quello per la Protezione Civile, né ritiene di dover inoltrare a Palazzo Santa Lucia la richiesta dei famosi 300 mila euro per i crolli di via Giannangeli e via Padre Antonino. Insomma, sfortuna ha voluto che ci ritrovassimo un sindaco all’incontrario che anziché ridurre le spese è impegnato a ridurre le entrate. Assurdo!”- ha concluso il consigliere di centrodestra Innocenzo Treviglio.