Licola. Al via la Sagra delle Antiche Taverne, appuntamento all’Istituto Falcone per riassaporare i vecchi sapori

Si terrà a Licola la nona edizione Sagra delle Antiche Taverne. Riscoperta degli antichi sapori e delle tradizioni partenopee in occasione della Nona Edizione della “Sagra delle Antiche Taverne” che si terrà nell’azienda agraria dell’I.S. “Falcone” di Licola di Pozzuoli dal 1° al 5 maggio 2019. Cuore della manifestazione sette “antiche” trattorie allestite nella suggestiva cornice del parco archeologico dell’Istituto, lungo l’antica via Domitiana, l’asse viario costruito nel 95 d.C. per volere dell’imperatore romano Domiziano per migliorare i collegamenti tra il porto di Puteoli e il resto dell’Impero.

In un pittoresco villaggio di capanne oltre 300 figuranti in costume rievocheranno antichi mestieri e prepareranno cibi della tradizione campana con metodi tradizionali: una scenografia animata da un’esplosione di colori e profumi dove alla cura del cibo si uniranno un’arte culinaria e un’ambientazione direttamente mutuate dal Settecento partenopeo.

Tra scorci di antica vita quotidiana, danze popolari, venditori ambulanti, musicanti, i visitatori potranno osservare dal vivo la produzione artigianale di pasta fresca e di formaggi.

Una occasione unica per visitare le preziose serre dell’istituto, la bottega dei suoi prodotti biologici, per apprezzare e riscoprire la bellezza, la semplicità e la serenità di vita di una volta e, contemporaneamente, assaggiare le eccellenze gastronomiche del territorio, oltre 40 piatti della tradizione popolare campana da gustare alla tenue luce di fiaccole e bracieri.

La location sarà l’Istituto di Stato per l’Ambiente e l’Agricoltura “Giovanni Falcone” in Via Domiziana 150 a Licola. Gli orari di apertura, invece, saranno i seguenti: 11.00-16.00; 18.00-23.00

L’ingresso è gratuito.

Il programma

FIERA AGRARIA. Una esposizione-vendita di piante e prodotti agroalimentari altamente qualificata sia per la varietà proposta, sia per gli elevati standard qualitativi: una proposta orientata alla valorizzazione del territorio, grazie alla genuinità di prodotti “Made in Campi Flegrei.

MUSICA E DANZE. Durante la manifestazione gruppi di danzatori e musicanti armati di chitarre, tammorre, castagnelle e putipù, animeranno l’antica via Domiziana con villanelle, tarantelle e tammorriate.

LA POSTEGGIA. Ad ora di pranzo e cena, immancabile la mitica “posteggia”. Nel solco dell’antica tradizione partenopea, i musicanti faranno sosta presso le varie taverne per esibirsi in brevi concerti di musica tradizionale in lingua napoletana.

TAVERNE E MENU’. La Taverna del Marenaro:

  • Calamarata
  • Zuppa di stocco e patate
  • Casarecce alla puttanesca di baccalà
  • Alici e calamari fritti
  • Verdure alla brace

La Taverna del Ragù

  • Maccaruni al ragù
  • Cavatelli con cacioricotta
  • Braciole al ragù
  • Braciole di cotica al ragù
  • Carciofi alla brace

La Taverna dei Ciceri

  • Pasta e cicerchie
  • Lagane e ceci
  • Pasta fagioli e cotiche
  • Fagioli e scarole
  • Spezzatino con patate e piselli
  • Bruschette miste

La Taverna del Casaro

  • Pasta e patate
  • Cacio e pepe
  • Orecchiette con cime di rapa
  • Fagottini di treccia, pancetta e foglia di limone alla brace
  • Caciotta primosale e sottoli

La Taverna del Chianchiere

  • Tagliatelle fresche alla Genovese
  • Carne mista con peperonata
  • Polpette
  • Scagliozzi di polenta fritti
  • Friarielli saltati in padella

La Taverna dei Poverielli

  • Zuppa di fave
  • Riso e verza;
  • Pasta all’arrabbiata
  • Pasta con melenzane
  • Fegatini di maiale con la rezza
  • Trippa con patate
  • Patate alla brace

La Taverna della Fava

  • Gnocchetti con fave
  • Gnocchetti lardiati
  • Trofie al pesto di fave
  • Formaggi alla brace
  • Carni alla brace
  • Purea di fave
  • Cicoria e fave.