Raccolta dei rifiuti a singhiozzo a Mugnano, commercianti sul piede di guerra

Non è sicuramente un periodo molto facile quello che stanno attraversando commercianti e residenti di Corso Italia a Mugnano. A causare non pochi problemi è il ritardo della raccolta dei rifiuti, che dopo le modifiche apportate al calendario ha risentito dei rallentamenti. A pagarne le spese sono i commercianti che si dicono esasperati e preoccupati, inoltre, per l’arrivo in zona delle strisce blu.

Multe fino a 500 euro

L’amministrazione Sarnataro ha deciso di ‘punire’ chi userà ancora i sacchetti neri. È dal primo maggio, infatti, che sia i cittadini che i commercianti non possono depositare o esporre qualsiasi tipo di rifiuto in sacchi neri o non trasparenti. La frazione organica, inoltre, dovrà essere conferita per obbligo in buste biodegradabili. I trasgressori potranno essere puniti con una multa che potrebbe ammontare fino ai 500 euro.

Lo sfogo del commerciante Mariano De Dominicis

«Le periferie restano sempre più abbandonate, dopo i selfie e le strette di mano che puntualmente sono state ripetute dal sindaco. Oltre che in campagna elettorale ma anche per le feste patronali, il nulla di fatto è seguito alle promesse fatte. Corso Italia, zona altamente urbanizzata sia dal punto di vista residenziale che commerciale soffre di più di quelle che sono le mancanze e i disservizi accusati dell’intero territorio cittadino. L’inefficienza del servizio di raccolta rifiuti che fa perder fiducia ai cittadini nello strumento della raccolta differenziata nonché generare molteplici disagi alle attività commerciali si aggiunge all’annoso problema degli allagamenti che si verificano in occasioni di forti precipitazioni meteoriche che spesso lasciano i cittadini al buio, per l’assenza di un sistema fognario. La cittadinanza senza entrare nello specifico della polemica politica chiede maggiori condizioni di vivibilità e servizi adeguati alle tasse che paga». Sono queste, invece, le dichiarazioni di Mariano De Dominicis, un commerciante che ha provato a spiegare la situazione che si vive su Corso Italia.