«Non voleva indossare il burka». Perde la testa e pesta la moglie 28enne

Un marocchino di 51 anni, residente a Sant’Anastasia, è stato arrestato per sequestro di persona, minaccia aggravata e maltrattamenti in famiglia. L’uomo è accusato di aver aggredito con calci e pugni la moglie di 28 anni, procurandole lesioni al volto guaribili in 15 giorni.
La donna era stata rinchiusa nel bagno dell’abitazione. Quando i militari dell’arma sono intervenuti sul posto, la donna ha raccontato di essere stata vittima anche negli ultimi tempi di condotte violente e vessatorie da parte del marito che l’accusava di comportarsi in maniera troppo occidentale e di non indossare abiti lunghi e burqa.
L’uomo è stato condotto nel carcere di Poggioreale.