Napoli violenta, Dema attacca Salvini: “Pensa solo a comizi e ca**ate sui social”. La replica: “Con me omicidi in calo”

“Salvini ha reso il Paese più insicuro e più violento. Aumentano i reati a sfondo razziale; crescono le violenze su bambini e donne; si rafforza l’odio sociale e il sentimento del rancore; si consolida il pericolo del terrorismo per le politiche di odio nei confronti dei popoli islamici; aumentano corruzioni e collusioni, con indagini anche verso esponenti dello stesso Governo. Un ministro quasi mai presente al Viminale, sui social in genere o mangia o spara cazzate”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

La replica del Viminale: “A Napoli omicidi calano rispetto ai governi precedenti”

“Dal primo giugno 2018 al 30 aprile 2019, con Salvini ministro, gli omicidi a Napoli sono stati 14, di cui 5 di camorra. Negli ultimi dieci mesi di governo Gentiloni, con in carica il ministro Minniti, (primo maggio 2017-31 marzo 2018) gli omicidi a Napoli erano stati 17, di cui 12 di camorra. Negli ultimi dieci mesi di governo Renzi e con Alfano ministro (dal primo febbraio 2016 al 31 dicembre 2016) gli omicidi a Napoli erano stati 34, di cui 28 di camorra”. E’ quanto fanno sapere fonti del Viminale, secondo cui i trend sono confermati anche in provincia: con Salvini 7 omicidi di cui 5 di camorra, negli ultimi dieci mesi di Gentiloni-Minniti furono 17 di cui 12 di camorra, con Renzi-Alfano 22 morti di cui 9 di camorra.

Il Viminale ha anche riferito i dati sulle vittime di omicidio a Napoli e provincia: “con Salvini 21 (di cui 10 di camorra), con Gentiloni-Minniti 34 (di cui 24 di camorra), con Renzi-Alfano 56 (di cui 37 di camorra). Una tendenza confermata anche dai ferimenti. Nei primi dieci mesi di Salvini al Viminale, a Napoli e provincia si sono registrati 158 feriti di cui 29 di camorra, negli ultimi dieci mesi di Gentiloni-Minniti furono 220 e 35, con Renzi-Alfano 234 e 52”.

“Dobbiamo fare sempre di più e sempre meglio – ha commentato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini – , ma agli insulti di De Magistris e Renzi rispondiamo con i fatti e con le statistiche. Un altro “fatto” è l’assunzione di 8mila donne e uomini per le Forze dell’Ordine e i Vigili del Fuoco, che ci aiuteranno ancora di più a contrastare i criminali. E con il Decreto sicurezza abbiamo dato più fondi e poteri agli amministratori locali: infatti il Comune di Napoli ha potuto assumere 53 nuovi vigili. De Magistris faccia il sindaco e Renzi faccia il senatore: i napoletani e i fiorentini meritano di più”.