M5S primo partito a Giugliano, Pezzella: “Merito del mio lavoro. Palma chiede dimissioni di Di Maio? Faccia anche lui un passo indietro”

“Se il M5S è il primo partito a Giugliano il merito è solo frutto del lavoro svolto negli ultimi mesi, da quando sono diventato consigliere comunale”. Non le manda a dire Salvatore Pezzella, portavoce del M5S in consiglio comunale a Giugliano. Con 14503 voti (43,43%) il Movimento si è confermato primo partito nella terza città della Campania. Un risultato, che secondo Pezzella, è da additare alla sterzata che il M5S ha avuto grazie al suo ingresso in Assise. “Il risultato è ottimo, i giuglianesi hanno premiato il nostro ritorno nelle piazze. Negli ultimi anni il M5S a Giugliano si era spento, aveva perso il contatto con la realtà.  Mancavano la partecipazione e le iniziative tra la gente. Con il mio ingresso in consiglio c’è stato un maggior coinvolgimento dello storico meetup. Noi attivisti siamo ritornati a fare volantinaggio e gazebo. Non capisco perché come Nicola Palma a ringraziare gli elettori visto che, per sua stessa ammissione, non ha fatto campagna elettorale mentre i candidati sostenuti da noi sono stati quelli più votati”. 

Sul flop a livello nazionale, Pezzella lo spiega così: “E’ stato dato troppo spazio ai disfattisti e a chi rema contro nel movimento, alimentando malumori e critiche. Per chi critica l’alleanza con la Lega, dico che era l’unico modo per andare al governo dopo il successo alle politiche dopo che il Pd aveva rifiutato l’accordo”. La divergenza con Nicola Palma è anche su questo punto visto che lui ha chiesto le dimissioni da capo politico di Di Maio: “Si vince e si perde tutti insieme. Abbiamo piena fiducia in Di Maio, è stato votato sul blog come capo ed è giusto che si prenda la responsabilità. Palma accusa Di Maio di aver perso il contatto con la base, eppure lui ha fatto lo stesso errore. A questo punto faccia anche lui un passo indietro. Un giorno accusa Di Maio, l’altro giorno Di Battista, poi critica l’accordo con la Lega. Ma se non si riconosce nel Movimento perché non va via?”

Sulla possibilità di riappacificare il rapporto con Palma, soprattutto in vista delle prossime elezioni, Pezzella afferma: “Da parte mia non c’è stata nessuna chiusura, anzi fin da subito ho chiesto collaborazione. Invece lui fin da subito ha chiuso le porte e si è andato a sedere lontano da me. Inoltre dice spesso che io sono passato in maggioranza, mentre è lui che si è avvicinato al centrodestra. In tutti i miei interventi ho sempre criticato quest’Amministrazione Poziello, non ho mai votato un atto a favore quindi non so perché continua a sostenere che io faccia parte della maggioranza. Se mi sono astenuto in Consiglio comunale sulle votazioni è perché essendomi insediato da poco, a fine consiliatura, non ho avuto tempo di capire come funziona la macchina amministrativa”. 

Sulle prossime amministrative e il candidato a sindaco a Giugliano, dichiara: “Sarà come sempre il blog a decidere sulla certificazione della lista. Sul candidato a sindaco portavoce credo che Palma dovrebbe fare un passo indietro visti i malumori e le spaccature createsi negli ultimi anni, spero si possa scegliere una persona terza che sia garanzia per tutti nel Movimento”. 

Proprio rispetto alle polemiche e spaccature emerse negli ultimi mesi, Pezzella concluse: “Il Movimento per definizione deve essere aperto a tutti, naturalmente ne devono accettare i principi. Mi fa piacere che qualcuno ultimamente abbia cambiato idea rispetto alle critiche mosse nel recente passato nei confronti di Di Maio. Ora è il tempo di unirsi e di mettere da parte le polemiche, bisogna isolare chi fino ad ora ha tramato per distruggere il M5S di Giugliano”.