La Class action è legge: via libera del Senato con 206 sì

Via libera definitivo dall’Aula del Senato al ddl sulla class action. Il provvedimento ha ottenuto 206 sì, un solo no e 44 astenuti. Il provvedimento sposta la disciplina della class action dal codice del consumo all’interno del codice di procedura civile.

Eliminando anzitutto – data la nuova collocazione della disciplina, sottratta al Codice del consumo – ogni riferimento a consumatori e utenti, l’azione sarà sempre esperibile da tutti coloro che avanzino pretese risarcitorie in relazione a lesione di “diritti individuali omogenei” (ma non ad “interessi collettivi”).

Il testo individua come destinatari dell’azione di classe imprese ed enti gestori di servizi pubblici o di pubblica utilità, relativamente ad atti e comportamenti posti in essere nello svolgimento delle attività.

“Purtroppo – commenta Forza Italia – anche in questa occasione si è voluto approvare un provvedimento blindato, pericoloso e inadeguato che penalizzerà le imprese e impedirà gli investimenti. Ancora una volta, per motivi elettorali, non si è voluto un dibattito completo e compiuto su un argomento che riguarda direttamente i cittadini. Con questo ddl allontaneremo gli investimenti stranieri e scoraggeremo quelli interni”. Lo ha detto in Aula il senatore di Forza Italia Adriano Paroli durante la discussione sul ddl sulla class action.