Calvizzano. Chiusura straordinaria della scuola elementare Diaz, ecco i giorni

Il 2016-2017 passerà sicuramente alla storia come anno scolastico “horribilis” dell’istruzione, per i troppi giorni di didattica non svolti. Ovviamente ci riferiamo all’elementare Diaz. Circa un mese di lezioni al freddo per mancanza di riscaldamento: molti genitori, per non fare ammalare i loro figlioli, hanno preferito non mandarli a scuola.
Si era rotto il bruciatore e bisognava aspettare che il pezzo di ricambio arrivasse dalla sede della Riello di Lecco, dove doveva essere assemblato.
L’impianto, guastatosi nell’ultima decade di novembre, è stato riparato pochi giorni prima delle vacanze natalizie, e tutti questi disagi, secondo il consigliere di minoranza Biagio Sequino, che ha visionato il libretto d’impianto della caldaia, si potevano evitare se il Comune fosse intervenuto tempestivamente, sostituendo la testa del bruciatore della caldaia.
Per non parlare dei disagi legati al mancato funzionamento del complesso palestra-aule, nonostante il fatidico servoscala (nome imparato a memoria perfino dagli alunni) sia stato montato il 5 dicembre 2016.  Adesso si coglie l’occasione delle vacanze di carnevale del 27 e 28 febbraio per prolungare di ulteriori tre giorni il periodo di sospensione delle attività didattiche?
Questo provvedimento è inconcepibile – afferma la consigliera comunale di minoranza, Angela De Vito – Gli interventi di manutenzione ordinaria, a meno che non si tratterebbe di problematiche più serie e le si vorrebbe far passare sotto la voce “lavori di tinteggiatura”, si attuano durante il periodo di vacanze estive o  natalizie se la loro durata è limitata a una quindicina di giorni, proprio per evitare che gli alunni perdano ore di lezioni e di non penalizzare quelle famiglie dove lavorano entrambi i genitori. Devo constatare, purtroppo, che sindaco e amministratori probabilmente hanno ancora una visione paesana della scuola”.
Fonte: Calvizzanoweb