Aiuta l'amica a liberarsi dal fidanzato manesco, giovane donna massacrata di botte.

Massacrata di botte mentre era al bancone del bar, perché aveva aiutato l’amica a lasciare il fidanzato manesco. E lui gliel’ha fatta pagare. Così Hellen, barista 28enne di Trieste, si trova ora in ospedale, dove è stata operata al setto nasale, con il volto tumefatto e ancora tanta paura negli occhi. L’uomo e suo fratello, Daniel e Francesco Caris, di etnia rom, sono entrati, completamente ubriachi, nel locale dove la giovane lavora per prenderla a pugni in faccia. Solo l’intervento della polizia l’ha strappata alla furia dei suoi aggressori.
I fratelli Caris, dopo giorni di minacce, sono così passati ai fatti: entrati nel bar, in stato di alterazione per il troppo alcol, si sono avventati sulla vittima con una raffica di pugni in faccia e lancio di bicchieri. Il compagno della donna ha tentato di bloccarli, ricevendo in tutta risposta botte,come riportato tgcom24.
Alcuni testimoni hanno subito chiamato la polizia e gli agenti, per fermare l’aggressione, hanno fatto ricorso allo spray al peperoncino. La foto di Hellen con il volto sfigurato dai pugni è stato postata sul suo profilo Facebook dal consigliere comunale della Lega Nord Fabio Tuiach.